fbpx

Come avere successo in contesti culturali diversi dal proprio

Come avere successo in contesti culturali diversi dal proprio

Il risultato dei rapporti commerciali che intratteniamo con l’estero dipende non solo dalla capacità di capire e farsi capire dal punto di vista linguistico ma anche dalla conoscenza e dalla comprensione della diversità culturale dei nostri interlocutori.

Le opportunità di un mondo globalizzato

Da sempre il Made in Italy è apprezzato nel mondo. Lo scorso novembre, l’Istat ha evidenziato dati in crescita per il commercio estero, in particolare per quello extra UE, nonostante la pandemia.

Affacciarsi sui mercati stranieri con un’offerta di beni o servizi italiani può essere quindi un’ottima soluzione a patto di farlo con i giusti strumenti di comunicazione e di comprensione delle diversità culturali. Un inglese corretto, certamente è indispensabile, ma anche la capacità di sintonizzarsi (fine tuning) che permette di cogliere tutte le opportunità di un dialogo con un cliente straniero e di interagire nel modo appropriato.

Scoprire l’Intelligenza Culturale (CQ)

L’Intelligenza Culturale è la capacità di relazionarsi e di operare in modo efficace in contesti culturalmente diversi. E’ una soft skill, che può essere misurata e quindi migliorata secondo un modello strutturato e predittivo, validato a livello accademico e riconosciuto a livello internazionale.

Il marketing e le esportazioni ci proiettano  nella multiculturalità e l’Intelligenza Culturale diventa una leva importante per comunicare e vendere, evitare equivoci e stress, guidare team multiculturali, affrontare sfide internazionali anche in paesi molto diversi dal nostro, come l’Estremo Oriente o i Paesi arabi.

La lingua inglese migliora l’Intelligenza Culturale

In questa ottica, il potenziamento della conoscenza della lingua inglese è dunque una competenza multiculturale fondamentale. La lingua è un primario strumento di comunicazione che accresce la capacità di comprendere le differenze culturali (CQ Conoscitiva) e simultaneamente stimola il piacere, l’interesse e il coinvolgimento della persona nell’interazione con culture diverse (CQ Motivazionale). La competenza linguistica dunque favorisce un alto livello di CQ, permettendo ai team multiculturali di lavorare ed interagire con efficacia. Infatti, gli studi dimostrano che per i bilingue passare da una lingua all’altra comporta un cambiamento simile nei loro pensieri, valori e comportamenti. La reciproca influenza esercitata da lingua e cultura (valori e sistemi di pensiero) conduce alla flessibilità mentale (CQ Strategica) e a quella del comportamento (CQ Comportamentale). 

Il vantaggio di costruire relazioni che funzionano

Il fine ultimo è ovviamente costruire relazioni. Secondo una ricerca dell’Economist Intelligence Unit, il 90% dei top manager di 68 nazioni considera la leadership multiculturale la propria principale sfida.

 

E Tu?
Quale consideri la TUA principale sfida quando operi all’estero? Ti sei mai trovato in situazioni complicate o anomale nello svolgimento della tua attività di business?

Per qualsiasi domanda o informazioni sul tuo livello di inglese e su come apprenderlo in modo facile e senza annoiarti

No Comments

Post A Comment